header13.jpg
Home Bacheca Alex Zanotelli. Riace fa scuola
Entra
Benvenuto! Per sfruttare tutte le potenzialità del sito effettua il log-in o registrati.



Facebook
Jesuit Social Network

I più letti

Ultime notizie

Alex Zanotelli. Riace fa scuola

Sono a Riace per un campo GIM (Giovani Impegno Missionario) in solidarietà con il sindaco Mimmo Lucano, oggi sotto pesante attacco per le sue politiche di accoglienza. Mimmo è stato capace di trasformare questo antico borgo calabrese, semi-abbandonato per le emigrazioni dei residenti, in un paesino pieno di vita, grazie all’accoglienza di profughi del sud del mondo.

Un’esperienza straordinaria che evidenzia che i migranti non sono una minaccia, ma una risorsa. Il modello Riace è conosciuto in tutto il mondo, ma non in Italia, dove questa esperienza è ostacolata. Soprattutto ora che in Italia il razzismo e la xenofobia sono arrivati al governo nella persona di Matteo Salvini, Ministro degli Interni. Pesanti gli attacchi del titolare del Viminale contro i profughi sino ad arrivare alla guerra contro le ONG nel Mediterraneo accusandole di collaborare con gli scafisti e impedendo loro l’attracco nei porti.

Lo abbiamo visto con la nave Aquarius che ha salvato 141 profughi. Lo abbiamo visto a fine agosto con la nave Diciotti: “Intervenga la Ue o li rispediamo in Libia”.

Siamo ora davanti a un razzismo di Stato preparato, però, per un ventennio da governi di centro-destra e centro-sinistra con leggi e decreti come la Fini-Bossi, i decreti Maroni e gli accordi di Minniti con la Libia e con il Niger. Leggi e politiche che hanno intercettato il crescente razzismo del popolo italiano. Un fenomeno che deve essere attentamente studiato e che interpella tutti: Chiese, società civile, cittadinanza attiva.

La Chiesa italiana deve fare un serio esame di coscienza per capire quanto i cristiani (preti e vescovi inclusi) abbiano contribuito a questo disastro. È mai possibile che le comunità cristiane abbiano dimenticato le chiare parole di Gesù sull’amore e abbiano invece accolto il vangelo dell’odio di Salvini?

Non si può essere discepoli di Gesù e di Salvini. O l’uno o l’altro. Per essere veri discepoli di Gesù non basta accogliere la Parola, bisogna metterla in pratica. Perché solo poche Chiese e conventi si sono aperti per accogliere il “forestiero”? Perché ancora nessuna Chiesa in Italia si è proclamata “chiesa-rifugio” (sanctuary movement) per difendere chi sarà deportato a morte sicura? In Germania già parecchie Chiese lo hanno fatto. Quante comunità cristiane hanno solidarizzato e partecipato al “digiuno di giustizia in solidarietà con i migranti”, iniziato da realtà ecclesiali il 10 luglio, davanti a Montecitorio contro le politiche migratorie dell’attuale governo? Un digiuno che noi vogliamo continuare.

“La Chiesa è chiamata a essere non il termometro che misura le idee della società – diceva Martin Luther King – ma il termostato che trasforma il costume della società”. Questo fenomeno interpella seriamente anche la società civile. Ma perché quest’ultima è così incapace di organizzarsi per contrastare questo fascio-leghismo nostrano? Il popolo americano che vive la traumatica esperienza di Trump (molto peggio di Salvini) è capace di organizzarsi, di reagire, di essere in piazza, mentre da noi c’è un’indifferenza generalizzata tra la gente.

Saprà la società civile italiana rifarsi gli anticorpi per salvare la propria democrazia?

Un altrettanto esame di coscienza dovrà farselo la cittadinanza attiva così viva con gruppi, comitati e reti. Saranno tutte queste realtà capaci di unirsi per fermare quest’onda nera del razzismo e della xenofobia che rischia di travolgere il nostro Paese e L’Europa? È un compito fondamentale. E per portarlo a compimento è necessaria la politica della disobbedienza civile su larga scala contro quelle leggi che disumanizzano i nostri migranti e, alla fine, anche noi. Dobbiamo gridare a tutti che abbiamo il “diritto di avere diritti”, come amava ripetere Rodotà.

È quanto ho appreso in questi dieci giorni a Riace dal sindaco Mimmo Lucano, un uomo appassionato di relazioni umane così come sostenitore infaticabile di un modello sociale capace di accogliere tutti in pari dignità. È una lezione importante per l’attuale società della disuguaglianza e della non accoglienza. Ci auguriamo che Riace faccia scuola.

24 agosto 2018

Notizie flash

Con la Celebrazione Eucaristica di venerdì scorso, 5 ottobre, è ripreso il Percorso Formativo Unitario, che seguirà la lettura della Lettera di Giacomo.

Anche quest’anno offriamo ai nostri visitatori la possibilità di accompagnarci con la preghiera e la meditazione sui brani che il nostro Padre Assistente, p. Carlo Manunza sj, avrà scelto

Ogni mese pubblicheremo, nella pagina dedicata al Percorso Formativo Unitario 2018/19, un documento di meditazione e preghiera. Gli spunti saranno tratti dall'Omelia che P. Carlo terrà nel corso della celebrazione della Messa comunitaria del 1° venerdì di ogni mese. Le schede non sono riviste dall'autore.

Per consultare tali documenti, clicca QUI .

7 Ottobre 2018 
Solennità della Beata Vergine del Rosario
 

Dal 15 settembre scorso sono ripresi gli incontri della Lectio Divina guidata da P. Rolando.

L'appuntamento è sempre di sabato, dalle 17:30 alle 18:20, in Sala S. Ignazio, nella Sacrestia della Chiesa del Gesù Nuovo.

Sono già stati pubblicati i primi tre testi nella sezione P. Rolando/Lectio Divina. 

Per leggerli, clicca QUI .

Domenica 30 settembre 2018

 

Oggi, alle 18:30, S. Messa in onore di Nina Moscati, sorella di Giuseppe, il Medico Santo, in occasione dell’87^ anniversario del suo trapasso.

Vi invitiamo ad unirvi a noi nella preghiera.

24 settembre 2018 

 

Nota alla stampa

 

Preoccupazione per il rispetto dei diritti dei migranti 

 

Il Centro Astalli esprime seria preoccupazione per il trattamento riservato alle persone migranti e richiedenti asilo in Italia nelle ultime settimane.

 

Ci pare importante ribadire che i diritti umani e civili ineriscono la persona e non il cittadino e che in quanto tali non sono soggetti a deroghe o violazioni, anche se disposte da chi ha responsabilità di governo.

 

La detenzione in Italia è regolata da norme chiare. In nessun caso si possono discrezionalmente stabilire misure restrittive per i migranti per il solo fatto di trovarsi sul territorio italiano.

 

Ci pare particolarmente grave il clima generale di odio e di conflittualità che cresce a causa della criminalizzazione di uomini e donne che arrivano in Europa in cerca di una vita migliore.Reputiamo ancor più grave che rappresentanti istituzionali possano abbandonarsi a dichiarazioni ad effetto, che possono lasciare intendere una messa in discussione dei principi costituzionali e delle convenzioni internazionali alla base del nostro sistema democratico.

 

Alla luce degli ultimi sviluppi relativi al caso dei migranti della nave Diciotti, il Centro Astalli chiede il rispetto della persona e dei diritti umani sempre e in ogni circostanza, invita il mondo politico e della comunicazione a non alimentare paure e tensioni sociali che ci rendono tutti più insicuri e per questo più influenzabili.

 

8 settembre 2018

Centro Astalli

 

S. Messa

Ogni sabato, alle ore 18,30 nella Chiesa del Gesù Nuovo in Napoli, la CVX-LMS "Immacolata al Gesù Nuovo" anima la S. Messa prefestiva.

Prima della Celebrazione Eucaristica, dalle 17,30 alle 18,20, P. Rolando Palazzeschi SJ guida la Lectio Divina in Sala S. Ignazio (all'interno della Sacrestia del Gesù Nuovo).

Leggi l'Omelia integrale che P. Rolando ci invia ogni settimana.

I NOSTRI PERCORSI FORMATIVI

ADULTI  GRUPPO EMMAUS

(Due sabati al mese, h 17:30-21:00)

ADULTI  GRUPPO MOSCATI

(Due sabati al mese, h 17:00-20:30)

GRUPPO GIOVANI-ADULTI

(Due giovedì al mese, h 19:15-21:30)

GRUPPO GIOVANI (19-25 anni)

(Ogni mercoledì, h 20:00-21:15)

GRUPPO GIOVANISSIMI (16-19 anni)

(Ogni sabato, h 13:00-15:30)

 

Consultare la Sezione Formazione


Statistiche

Utenti : 70
Contenuti : 821
Link web : 64
Tot. visite contenuti : 1216847

Il nostro sito fa uso di cookies al fine di fornire una migliore esperienza di navigazione all’utente. Potrebbero essere presenti, inoltre, cookies di terze parti. Continuando a navigare nel sito, accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information