header13.jpg
Home Famiglia Ignaziana Jesuit Social Network

I più letti

Ultime notizie

Jesuit Social Network

JSN

Dal dicembre 2009 siamo “soci osservatori” del Jesuit Social Network – JSN Italia, la Federazione Nazionale delle Opere Sociali della Compagnia di Gesù.


Partecipiamo alla costruzione di una realtà territoriale di network campano, in corso d’opera, partecipando al tavolo di lavoro promosso a Napoli al quale siedono, oltre alla nostra Cvx e ai Responsabili del JSN Italia: il Consultorio Centro La Famiglia, il CAM, l'Istituto Pontano, il Centro Hurtado, l'Associazione Figli in Famiglia, l'Isituto di Ricerche Sociali, la Facoltà Teoligica sez. San Luigi, l'Associazione Eduardo Vitali, la Comunità Emmanuel, il Centro Astalli Sud, l'Associazione Laici e Gesuiti per Napoli.


Abbiamo contribuito all'adesione del JSN al Forum Nazionale per la difesa dell'Acqua come bene comune.


Presidente del JSN è p. Alberto Remondini SJ, Vice Presidente Berardino Guarino, Segretario Generale Daniele Frigeri. Delegato per l'Apostolato Sociale della Compagnia di Gesù è p. Gianfranco Matarazzo S.J.


Notizie e aggiornamenti sul JSN-Italia navigando nel sito www.jsn.it



Nostro responsabile per l'Apostolato Sociale è Pasquale Salvio.

Partecipano al Consiglio dei Soci: Ermanno Dinacci, Gabriella Butera e Pasquale Salvio.


Nuovo Appello del JSN e di ReggioNonTace a favore di De Masi e di chi lotta contro le mafie

Rete delle attività sociali dei Gesuiti in Italia

Gesuiti e ReggioNonTace a fianco di De Masi e di chi lotta contro le mafie chiedono che lo Stato intervenga a sostegno degli imprenditori che si oppongono ai sistemi malavitosi

alt
Antonino De Masi e la sua famiglia fanno impresa da 60 anni, in una delle aree più calde e pericolose d’Italia: la Piana di Gioia Tauro. Ma De Masi è anche sinonimo della prima azienda in Italia che, oltre 25 anni fa, per protestare contro l’aggressione criminale ha chiuso le fabbriche, portando il fenomeno all’attenzione dei media. Lo hanno fatto, in passato, sempre denunciando ogni forma di aggressione subita dalla ‘ndrangheta; una resistenza, che dura da oltre 40 anni, periodo storico nel quale le Istituzioni e la Società Civile, oggi sensibili al problema, spesso e volentieri si giravano dall’altra parte, o convivevano con l’antistato.

Oggi, dopo l’ultimo grave attacco intimidatorio del 12 aprile scorso, che aveva suscitato la solidarietà di molti, fra cui la rete della attività sociali dei Gesuiti in Italia, Jesuit Social Network, e il movimento cittadino di ReggioNonTace (http://www.jsn.it/a-fianco-di-de-masi-e-di-chi-lotta-contro-la-ndrangheta/) Antonio De Masi si è trovato ad annunciare nuovamente la chiusura della sua azienda non perché sconfitto dalla mafia, ma dallo stesso Stato che tanto sta facendo, con l’impegno di magistrati e forze dell’ordine contro le mafie.
«un pezzo dello Stato è riuscito laddove non è riuscita la criminalità. Il 20 di giugno scorso - si legge nelle missiva inviata ai sindacati e alle istituzioni - il Tar di Reggio Calabria si è pronunciato, per la 14/ma volta, in merito alla concessione del mutuo antiusura che doveva esserci erogato entro pochi mesi dalla domanda, presentata nel 2006, così come previsto dalla legge la cui finalità è quella di tutelare le vittime di usura dando compiuta attuazione, come affermato dalla predetta sentenza, a quei valori di solidarietà e di tutela che discendono dai principi generali dell’art. 2 e 3 della Costituzione di cui la legge 108/1996 va considerata direttamente esecutivaLa sentenza come tutte le altre in precedenza, ci riconosce il diritto ad avere il mutuo. La presente lettera, indirizzata in primis alle Organizzazioni sindacali e per conoscenza a tutte le Istituzioni, è l’amaro annuncio che il 10 luglio avvieremo le procedure di chiusura dello stabilimento di Gioia Tauro con i relativi licenziamenti di tutto il personale».

Grazie al tempestivo interessamento del Prefetto di Reggio Calabria la chiusura è stata rinviata, in attesa che le Istituzioni diano una risposta.
Molti gli sforzi e i successi dello Stato nella lotta alle mafie, determinante il ruolo di imprenditori che con coraggio hanno denunciato e della società civile che ha preso posizione con forza, riscattando interi territori. Ma il caso di De Masi, a cui rinnoviamo la nostra solidarietà, richiede di compiere quell’ultimo miglio fondamentale per vincere questa battaglia. Magistratura e società civile possono giocare un ruolo fondamentale, ma garantire gli strumenti per continuare la propria attività, nonostante il clima di intimidazione e di solitudine in cui è costretto a vivere chi si ribella ai sistemi mafiosi è un tassello imprescindibile per questa lotta, comune a molti imprenditori rimasti soli e senza finanziamenti. È in gioco il concetto stesso di giustizia a cui uno Stato forte non può non dare risposte adeguate.

Come rete di realtà sociali della Compagnia, insieme alla Provincia d’Italia della Compagnia di Gesù e a ReggioNonTace rivolgiamo con forza un appello alle Istituzioni perché venga trovata al più presto non solo una soluzione al caso De Masi ma vengano trovati e assicurati adeguati strumenti e risorse in grado di assicurare la sopravvivenza di tutti gli imprenditori, piccoli e grandi che hanno il coraggio di ribellarsi alle mafie. Liberare il tessuto imprenditoriale dalle mafie è la prima arma per togliere risorse e colpire al cuore il sistema mafioso.
08.07.2013
Jesuit Social Network Italia Onlus - www.jsn.it
ReggioNonTace - www.reggionontace.it

 
Altri articoli...
Notizie flash

PONTIFICIO SEMINARIO

CAMPANO INTERREGIONALE

 

Il Mediterraneo e le sue narrazioni.

 

 

Venerdì 24 gennaio 2020, ore 20,

via Petrarca 115 Napoli

 

La narrazione dell'economia e della politica

 

 Incontro introdotto da Romano Prodi.

 

 

Sono state pubblicate le schede di sussidio alla preghiera, elaborate per gli Esercizi Spirituali Serali, secondo il metodo di Sant'Ignazio, svoltisi per l'Avvento 2019, diretti da p. Claudio Pera SJ, dal titolo "Perché un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio" (Is 9,5).

Per leggerle e/o scaricarle, clicca QUI.

12 Dicembre 2019 

 

S. Messa

Ogni sabato, alle ore 18,30 nella Chiesa del Gesù Nuovo in Napoli, la CVX-LMS "Immacolata al Gesù Nuovo" anima la S. Messa prefestiva.

Prima della Celebrazione Eucaristica, dalle h 17:15 alle 18:15, P. Rolando Palazzeschi SJ guida la Lectio Divina nella Cappella della CVX in via San Sebastiano 48/d-Napoli.

Leggi l'Omelia integrale che P. Rolando ci invia ogni settimana.

Leggi i testi della Lectio Divina.

I NOSTRI PERCORSI FORMATIVI

Tutti i gruppi si ritrovano il primo venerdì

del mese per la Messa Comunitaria,

durante la quale il P. Assistente

indica gli spunti di meditazione mensili.

Poi ogni gruppo si incontra per proprio conto.

 

ADULTI  GRUPPO EMMAUS

(Il terzo sabato del mese, h 19:30-21:00) 

 

ADULTI  GRUPPO MIRYAM

(Il primo e il quarto sabato del mese,

h 18:00-19:30) 

 

GIOVANI-ADULTI GRUPPO EMMANUEL

(Ogni venerdì, h 20:00-21:30)

Statistiche

Utenti : 70
Contenuti : 907
Link web : 64
Tot. visite contenuti : 1574444

Il nostro sito fa uso di cookies al fine di fornire una migliore esperienza di navigazione all’utente. Potrebbero essere presenti, inoltre, cookies di terze parti. Continuando a navigare nel sito, accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information